Penny Nichols – Orange County, Vietnam, Buddismo e dintorni

PennyNichols-

Nel gennaio 1968 la rivista losangelina indipendente Cheetah dedicava sei pagine a tre giovani songwriter. L’articolo, a firma di Tom Nolan, li identificava come The Orange County 3, dall’area nella quale vivevano, scrivevano, suonavano. I tre erano Tim Buckley, Jackson Browne e Steve Noonan, solo il nucleo di una più ampia comunità di autori e musicisti, fra i quali anche Jennifer Warnes, Jack Tempchin, Mary McCaslin, la Nitty Gritty Dirt Band. E una giovanissima Penny Nichols.

Cheetah OCT

Oggi Penny Nichols, il cui recente Golden State l’ha riportata nelle cronache del cantautorato West Coast, insegna, a chiunque voglia mettersi in gioco, l’arte del canto e della scrittura. Lo ha imparato ad Harvard e Cambridge, ma anche, e soprattutto, in quarant’anni di carriera, suonando per i soldati in Vietnam e registrando con George Harrison e con la mafia. Oggi racconta tutto nella sua autobiografia, alla quale sta lavorando in questi mesi.

LFTS-125-cover-235x300

Una anticipazione l’ha concessa a Late For The Sky. Di seguito un estratto dall’intervista pubblicata nel numero 125 della rivista.

Golden State raccoglie canzoni scritte in un ampio spettro temporale, tra il 1966 e il 2015. Tuttavia, sembrano capitoli di uno stesso libro, o percorsi di uno stesso viaggio, musicale e letterario. Con quale criterio hai scelto le canzoni?
Ho scritto gran parte delle canzoni come fonte di ispirazione per la mia autobiografia, alla quale lavorerò lungo tutto quest’anno. Tre canzoni non mie sono state inserite perché descrivono magnificamente il tempo e il luogo nel quale sono cresciuta. Leanin Back & Laughing, di Steve Noonan, è stata una delle prime perchè non avevo potuto includerla nel mio album precedente, Colors Of the SunPenny Nichols Sings The Early Songs Of Jackson Browne, ma volevo comunque rendere onore e descrivere l’epoca e la cultura dalla quale proveniamo, me stessa e i miei amici songrwriter. Winter Fires di Jo Nita Beede ha un testo così evocativo e la chitarra, con quell’arpeggio finger-style, ha gli accordi e la melodia giusti per raccontare la storia degli Orange County Three e parla per tutti noi che siamo cresciuti in quel luogo e in quei giorni. Allo stesso modo, LA Man di Nina Jo Smith, su uno scenario più ampio della sola Orange County, dipinge un quadro vivido della vita a Los Angeles e nella California del Sud fino alla Baia di San Francisco, tra la fine degli anni Sessanta e l’inizio dei Settanta. La nostra sofferenza e la protesta pubblica contro la guerra, così come i nostri amori privati, indipendentemente dal fatto che quei ragazzi protestassero o meno contro la guerra.

81Oi303XQNL._SX450_

Leanin’ Back And Laughing, con quelle sonorità retrospettive e quell’atmosfera West Coast folk psichedelica è tra le canzoni che più mi hanno colpito. Vuoi raccontarci qualcosa di quei giorni, della scena dell’Orange County nella quale sei cresciuta. Con te c’erano Tim Buckley, Jackson Browne, Steve Noonan.
Jackson, Tim e Steve erano il fulcro di quel famoso articolo pubblicato dalla rivista Cheetah, Orange County Three. Tutti noi eravamo membri di un folk club di Tustin, una coffeehouse chiamata Paradox. Lì suonavano regolarmente Jennifer Warnes, a quei tempi parte del duo Doug and Jennifer, Jack Tempchin, Kathy Smith, Mary McCaslin, la Nitty Gritty Dirt Band e altri giovani cantautori e folk singer, anche artisti in tour come gli Stone Ponies con Linda Ronstadt, per la quale ho aperto diverse volte. Ci conoscevamo tutti. Jackson, Tim e Steve erano buoni amici, in particolare Jackson e Steve. Io e Tim eravamo amici quando arrivai per la prima volta a Hollywood. Mi fermai per qualche tempo da lui e dalla sua ragazza, sino a quando non trovai un mio appartamento. Lì, ogni tanto, facevamo sedute spiritiche con la tavola di Ouija. Abbiamo fatto qualche esperienza un po’ selvaggia in quei giorni (sorridendo, nda).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...