The Bluesmen – Find Yourself (Associazione Musicisti di Ferrara, 2015)

fronte-cd-copia1

Tra la via Emilia e il West, loro, The Bluesmen, non hanno mai avuto dubbi. Attiva da oltre vent’anni, la band ferrarese è sopravvissuta ad alcuni cambi, anche dolorosi, di lineup mantenendo la propria continuità nella centralità di Roberto Formignani, chitarra e voce principale. E il proprio timone saldamente puntato al West.

Find Yourself è soltanto il loro quinto lavoro, perché si sa in Italia non c’è poi un gran gusto ad essere indipendenti, ma proprio perché lungamente cullato e atteso nei quattro anni che lo separano dal precedente Rebels, dentro finisce per esserci tanto di tutto. Di tutto il blues e il rock provato sui palchi sudati dei blues fest d’estate e su quelli rumorosi e angusti dei club nelle notti di nebbia, e di tutta quell’american music che non finisci mai di studiare, con pazienza e passione, le stesse che sanno riversare agli studenti che frequentano la loro Associazione Musicisti di Ferrara.

Un solo standard, How Long Blues da Leroy Carr e Scrapper Blackwell, del 1928, e nove brani originali, tutti dalla penna di Roberto Formignani con la sola eccezione della title track, a quattro mani con il tastierista Massimo Mantovani, testimoniano della maturità della band, che rischia in proprio rifiutando le comode scorciatoie delle cover. E dell’urgenza di farsi sentire, che li porta a strizzare in neanche cinquanta minuti il loro sogno americano, una colonna sonora meticcia fatta di blues, ma anche di country, rock and roll e di quello che non ti aspetti, pop.

Testi che funzionano da pretesti, nel dettare la cornice e il tema narrativo, la ritmica solida e squadrata dell’ex Skiantos Roberto Morsiani, e i brani si aprono alle fughe delle chitarre di Formignani, duellate con misura con le tastiere di Mantovani e i tanti plettri del bassista, Roberto Poltronieri.

The Bluesmen sono animali da palco, ruvidi e smagati orchestrali sbarcati sulle rive del Po da un West immaginario. Find Yourself, che pure contiene tutti i trucchi di un mestiere sapiente, ne è il loro attuale manifesto. E qualcosa di più.

Annunci

Una risposta a “The Bluesmen – Find Yourself (Associazione Musicisti di Ferrara, 2015)

  1. Pingback: Mr. Blues and Mr. Rock – The cool double life of Dirk Hamilton | music bin·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...