Stiv Cantarelli & The Silent Strangers – Banks Of The Lea (Stove Pony Records, 2014)

Stiv

A Stiv Cantarelli piace spiazzare, non farsi mai trovare due volte nello stesso luogo. Sublimato il suo percorso folkie con il primo album solista, Innerstate, a compimento di un lungo viaggio avviato e concluso con i SaTellite Inn attraverso le periferie della disillusione americana, dall’alt.country degli esordi agli assalti punk stemperati da spirali di ruvida psichedelia elettronica dell’ultima incarnazione della band, Stiv veste ora l’abito scuro e la camicia bianca di un bluesman urbano fradicio di rock and roll. E se il luogo fisico nel quale ha preso forma questo Banks Of The Lea è Londra, quello evocato rimanda ad orizzonti metropolitani più ampi, un crocevia turbolento nel quale il frastuono della moltitudine non riesce tuttavia a soffocare il canto del singolo. Banks Of The Lea si svolge, infatti, nella stratificazione furente di chitarre pesanti e amplificatori a manetta, fragili melodie declinate nello slang del folk urbano, sospensioni elettriche allucinate. Una colonna sonora trans generazionale che smonta e ricompone, con il disincanto dell’artista che ha saputo guardare nel fondo più nero della propria anima, elementi distintivi di linguaggi diversi, nei luoghi e nei tempi. Blues, garage, folk, psichedelia, art rock, tutto centrifugato e riportato ad unità di visione da Stiv Cantarelli e dai Silent Strangers, nei cui abiti scuri si celano Dave Dulake alle tastiere, Fabrizio Gramellini al basso, Antonio Perugini alla batteria, Roberto Villa alle chitarre. Prodotto da Pete Bennett ai Gizzard Studios di Londra, l’album restituisce nei suoni e nelle frequenze l’urgenza e la carnalità del live. Spigoloso e fragile, sprezzante e romantico, Banks Of The Lea è il manifesto della poetica urbana di Stiv Cantarelli.

Annunci

Una risposta a “Stiv Cantarelli & The Silent Strangers – Banks Of The Lea (Stove Pony Records, 2014)

  1. Pingback: Addio al grande cospiratore. Robert Fisher 1957 – 2017 | music bin·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...